T  E  a T  R  O
 

Corso Biennale di Recitazione

La BASE è il non fingere, cioè l'eliminazione delle mille inutili maschere quotidiane.

L'OBIETTIVO è il raggiungimento di un'assoluta sincerità sul palco.

La METODOLOGIA è quella del lavoro quotidiano. La nostra linea è sempre stata quella di condurre gli allievi con affetto e con modi familiari, offrendo il sostegno, la sicurezza, la competenza e la cura necessaria ad un pieno sviluppo delle proprie risorse e capacità.

DURATA E DATE
Il lavoro, su te stesso, durerà due anni.

 



La scoperta del
proprio attore 

 
meisner4 (2).jpg


Dall'allenamento alla
messa in scena

 
_CAM1841.jpg

 

Il Laboratorio Teatro  è  rivolto  a tutti.

Durante il laboratorio si è accompagnati allo sviluppo delle proprie potenzialità espressive.

L'officina Creativa prevede l'approfondimento del lavoro dell'attore  e della  messa in scena.

DICONO DI NOI

i professionisti

Simona Cavallari

attrice

Erano almeno un paio d'anni che sentivo parlare un gran bene di Irina Casali e Alessandro Zatta e della loro Fabbrica dell'Esperienza,   ho trovato quella che oggi considero, senza dubbio, tra le esperienza più  profonde e arricchenti mai avute.e mi riferisco sia alla crescita professionale, sia a quella umana, personale , interiore.

Lidiya Liberman

attrice

Da subito sono rimasta piacevolmente impressionata dall'atmosfera che sapevano creare nel loro teatro-studio, della serietà e della qualità del loro approccio.

In Italia non mi era mai capitato vedere una preparazione di così alto livello in una scuola di recitazione.

La sensazione più forte  che mi è rimasta dopo quel breve seminario è la convinzione  che in  quei tre giorni mi sembrava di vivere in modo totalmente "aperto" verso l'esterno e verso me stessa: vivevo al 100% senza filtri , percependo e reagendo al minimo movimento di aria, sguardi, di interazioni possibili.

Tiziano Sorbellini

attore, modello

Infinitamente consigliato perché da quando uno entra dalla porta viene accolto da un'energia quasi spirituale - se si può dire così, dove gli elementi della persona si smembrano, per lasciarci scoprire noi stessi come esseri umani, e così poter veramente esplorare sia persone che personaggi.

L'inventiva rinasce dall'energia di gruppo, dal movimento del corpo, dal vero ascolto, permettendoci così di vivere più profondamente nudi di qualsiasi maschera  per poi poter scoprirci e riscoprirci quando giochiamo ad indossarle sul palco. una esperienza meravigliosa!